Sussistono alternative più sicure?

L'uso di sostanze chimiche più sicure è un bene per i consumatori e un bene per le aziende. Le aziende che le usano possono migliorare il proprio marchio, con un ritorno in termini di benefici economici.

Il termine "sostituzione" indica una sostituzione della sostanza pericolosa con una sostanza che comporta meno rischi o nessun rischio, un cambiamento nel processo di produzione o l'utilizzo di tecnologie alternative. Diverse misure di gestione del rischio promuovono la sostituzione.

 

 

Registrazione

Ai sensi del regolamento REACH, le aziende devono registrare le sostanze chimiche fabbricate o immesse sul mercato dell'UE in quantitativi superiori a una tonnellata all'anno. Durante la raccolta dei dati e la classificazione della loro sostanza per presentare il fascicolo di registrazione, le aziende devono identificare se alcuni usi delle loro sostanze non sono più auspicabili perché non non possono essere gestiti in modo sicuro. In tali casi, le aziende possono sospendere la produzione o l'importazione della sostanza o sconsigliarne l'uso per i casi problematici. Gli obblighi di registrazione prevedono anche incentivi per i produttori o gli importatori di sostanze chimiche ad abbandonare gli usi non auspicabili delle sostanze e trovare alternative più sicure.

Classificazione, etichettatura e imballaggio

Classificare le sostanze chimiche significa definire i loro rischi per garantire che esse siano prodotte, utilizzate e smaltite in modo sicuro. Più di 20 leggi dell'UE fanno riferimento alla classificazione e all'etichettatura di sostanze chimiche, il che significa che dopo aver classificato una sostanza come pericolosa, si applicano altri requisiti di legge allo scopo di controllarne l'uso. Se le sostanze non possono essere immesse sul mercato per determinati usi in ragione della loro classificazione, le aziende devono trovare delle alternative.

Per esempio, le sostanze classificate come cancerogene, mutagene o tossiche per la riproduzione non possono essere utilizzate nei prodotti di consumo o nelle miscele in quantitativi superiori a determinati livelli di concentrazione. Esistono solamente alcune eccezioni.

Per i consumatori, è importante leggere e comprendere le etichette apposte sui prodotti o sulle miscele. Sulla base di queste informazioni, è possibile utilizzare le sostanze in modo sicuro o scegliere alternative meno pericolose.

 

Restrizione

Le restrizioni possono limitare la fabbricazione, l'importazione, l'immissione sul mercato o gli usi specifici di una sostanza. Se la restrizione assume la forma di un divieto per tutti gli usi o per usi specifici di una sostanza, è necessario trovare alternative più sicure. Grazie alle restrizioni, è possibile evitare rischi inaccettabili per la salute umana e l'ambiente.

Esempi:

  • L'uso del mercurio è stato vietato nei termometri e in altri dispositivi di misurazione per i consumatori, come manometri o barometri. I termometri sono ormai prevalentemente elettrici. In questo caso, la sostituzione ha comportato cambiamenti sotto il profilo tecnologico.
  • La massima concentrazione di cromo VI negli articoli di pelletteria è soggetta a restrizione. Le concerie nell'UE hanno sviluppato metodi alternativi per conciare le pelli. Ciò avviene apportando miglioramenti al processo di produzione (basato ancora sui composti di cromo, ma evitando la generazione di cromo VI) oppure ricorrendo a tecniche prove di cromo.
Autorizzazione

L'elenco di sostanze candidate comprende le sostanze estremamente preoccupanti particolarmente nocive per la salute umana o l'ambiente. Si tratta di un forte incentivo per le aziende a intensificare il loro impegno teso a trovare alternative a queste sostanze.

Se una sostanza estremamente preoccupante è presente nell'elenco delle sostanze soggette ad autorizzazione, l'uso o l'immissione sul mercato nell'UE dopo una data specifica è vietato se non è stata richiesta e concessa l'autorizzazione. Per richiedere l'autorizzazione, le aziende devono condurre un'analisi dettagliata delle alternative agli usi della loro sostanza. Devono dimostrare che i rischi derivanti dall'uso della sostanza sono trascurabili. In certi casi, sono tenute anche a dimostrare che i benefici per l'azienda sono superiori ai rischi posti e che non esistono alternative idonee disponibili.

Se gli usi delle sostanze presenti nell'elenco delle sostanze soggette ad autorizzazione possono essere facilmente sostituiti, probabilmente saranno abbandonati. Gli usi che non presentano alternative adeguate possono essere consentiti fino a quando non verrà trovata un'alternativa - fino al momento in cui tali usi sono stati autorizzati.

Esempi:

  • L'ECHA non ha ricevuto domande di autorizzazione dall'industria per l'uso del muschio xilene, un profumo molto persistente e molto bioaccumulabile, o del MDA (4,4​​'-diaminodifenilmetano), che è cancerogeno. Pertanto, solo i sostituti di queste sostanze possono essere usati a partire dall'agosto del 2014.
  • Il volume di DEHP (bis(2-etilesile)) - uno ftalato ampiamente usato negli articoli in PVC morbido - fabbricato o importato in Europa è diminuito negli ultimi anni e l'industria ha sviluppato alternative più sicure. L'uso di ftalati è soggetto ad autorizzazione.
  • Il ritardante di fiamma HBCDD (utilizzato prevalentemente nei materiali isolanti di polistirene) è stato identificato diversi anni fa come sostanza persistente, bioaccumulabile e tossica. L'industria ha trovato alternative a questa sostanza. Se alcune aziende non possono usare queste alternative, presenteranno una domanda di autorizzazione.

Questi esempi mostrano che la sostituzione è già avvenuta o è in corso.

Prodotti biocidi

Per l'approvazione dei principi attivi biocidi, esistono alcuni criteri di esclusione riguardanti, per esempio, la cancerogenicità, la tossicità per la riproduzione e la tossicità per l'ambiente. Se uno di questi criteri viene soddisfatto, la sostanza non può essere approvata o l'uso deve esserne limitato.

Se un principio attivo è approvato per l'uso, anche se soddisfa uno o più dei criteri di esclusione, esso viene considerato come un candidato alla sostituzione. Una sostanza è ugualmente candidabile alla sostituzione se soddisfa altri determinati criteri previsti nel regolamento sui biocidi.

Qualora tali criteri vengano soddisfatti, l'ECHA avvia una consultazione pubblica per trovare alternative alla sostanza. Durante la consultazione, terze parti possono presentare informazioni su alternative più sicure disponibili, come altri principi attivi biocidi o alternative non chimiche.

Inoltre, i biocidi contenenti un principio attivo che è candidato alla sostituzione, saranno oggetto di una valutazione comparativa prima dell'autorizzazione. La valutazione viene effettuata per stabilire se esistono alternative più sicure sul mercato. Se esistono alternative più sicure ed efficaci, l'uso del biocida può essere vietato o limitato.

Categories Display