Rete di comunicazione dei rischi

La Rete di comunicazione dei rischi (RCN) è stata inaugurata dal Direttore esecutivo dell'ECHA nell'autunno del 2008 e riunisce rappresentanti delle autorità competenti degli Stati membri (MSCA) responsabili, a livello nazionale, della comunicazione al grande pubblico sull'uso sicuro di sostanze chimiche e sui rischi che dette sostanze comportano.

La rete serve all'Agenzia da piattaforma per svolgere il suo mandato giuridico, previsto dal Regolamento REACH, di fornire orientamenti a questo riguardo, al fine di coordinare gli Stati membri in queste attività. Rispetto alle altre due reti dell'Agenzia, in particolare ad HelpNet, l'RCN si è autodefinita come "semi-attiva", e ha quindi strutturato le proprie attività per tener conto delle risorse limitate che le autorità nazionali sono in grado di destinare a questo campo d'azione al di là dei provvedimenti nazionali.

La rete offre una piattaforma strumentale per lo scambio di esperienze e pratiche migliori in questo specifico settore di comunicazione, aggiorna i rappresentanti nazionali sulla ricerca accademica e le pratiche operative in materia e li sensibilizza ai vari pre-requisiti per questo tipo di comunicazione, come ad esempio la necessità che le autorità pubbliche conquistino la fiducia delle loro società semplicemente per mezzo della loro comunicazione di routine sulle loro attività quotidiane.

Da quando ha definito più dettagliatamente il proprio ruolo dopo la sua istituzione, l'RCN ha agito da forum di consultazione dedicato agli "Orientamenti sulla comunicazione di informazioni sui rischi e l'uso sicuro di sostanze chimiche" dell'ECHA e allo "Studio sulla comunicazione di informazioni al grande pubblico" dell'Agenzia, una relazione fornita alla Commissione europea come previsto dal regolamento CLP, art. 34, par. 1.

In linea con il suo obiettivo di offrire una piattaforma per elaborare procedimenti pratici sulla comunicazione sul rischio, senza cercare l'armonizzazione al di là dell'orientamento incentrato sul coordinamento previsto dalle disposizioni del REACH, la Rete di comunicazione dei rischi convoca i suoi membri per riunioni plenarie occasionali nonché per workshop per portare avanti progressivamente il suo programma, non soltanto come piattaforma per lo scambio di esperienze e la partecipazione a presentazioni, ma anche per eventi di formazione a carattere specifico ed altre attività pratiche.